itenfrdees

Promos Ricerche è un Consorzio senza fini di lucro. SCOPO: La promozione e l’introduzione dell’innovazione in qualsiasi forma e settore. Scopri di più.

News

Agricoltura, Psr 2014-2020: aperta in Campania la procedura telematica

Agricoltura, Psr 2014-2020: aperta in Campania la procedura telematica

Sul Portale Gare della Regione Campania è stata aperta la Procedura telematica per la selezione di operatori economici cui affidare servizi di consulenza in agricoltura a valere sulla misura M02- Sottomisura 2.1 del PSR Campania 2014/2020.

La scadenza per la presentazione delle istanze è fissata alle ore 13.00 del 12 aprile 2019.

L’importo complessivo della gara è di euro € 4.100.000,00 (euro quattromilionicentomila/00) IVA esclusa ed è articolato nei seguenti Lotti:

  1. A) Consulenza al miglioramento gestionale

Lotto A1: Lotto A1 – Miglioramento delle performances ambientali ed economiche delle imprese agricole e zootecniche € 340.000,00 (euro trecentoquarantamila/00)

Lotto A2 – Orientamento delle imprese agricole e zootecniche al mercato ed all’innovazione: € 340.000,00 (euro trecentoquarantamila/00)

Lotto A3 – Sicurezza alimentare e sviluppo delle piccole produzioni e dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali, DOP ed IGP: € 250.000,00 (euro duecentocinquantamila/00)

  1. B) Filiera Florovivaistica

Lotto B1 – Florovivaismo in Campania: € 100.000,00 (euro centomila/00)

  1. C) Filiera Vitivinicola

Lotto C1 - Vitivinicoltura nelle aree vocate della Campania nord occidentale: € 160.000,00 (euro centosessantamila/00)

Lotto C2 - Vitivinicoltura nelle aree vocate della Campania sud orientale: € 120.000,00 (euro centoventimila/00)

  1. D) Filiera Frutticola

Lotto D1 - Frutticoltura intensiva nelle aree costiere delle province di Caserta e Napoli: € 270.000,00 (euro duecentosettantamila/00)

Lotto D2 - Frutticoltura intensiva nella Piana del Sele: € 115.000,00 (euro centoquindicimila/00)

Lotto D3 – Coltura del castagno e del nocciolo: € 140.000,00 (euro centoquarantamila/00)

Lotto D4 – Agrumicoltura di qualità in Penisola Sorrentina e Costiera Amalfitana: € 50.000,00 (euro cinquantamila / 00)

  1. E) Filiera Orticola

Lotto E1 - Orticoltura nelle aree interne della Campania: € 80.000,00 (euro ottantamila/00)

Lotto E2 – Orticoltura in Terra di Lavoro: € 60.000,00 (euro sessantamila/00)

Lotto E3 – Orticoltura nella provincia di Napoli: € 280.000,00 (euro duecentoottantamila/00)

Lotto E4 – Orticoltura nella Piana del Sele: € 280.000,00 (euro duecentoottantamila/00)

Lotto E5 – Orticoltura in Cilento e Vallo di Diano: € 190.000,00 (euro ottantamila/00)

  1. F) Filiera Olivicola-Olearia

Lotto F1 - Olivicoltura nelle aree interne - Avellino: € 80.000,00 (euro ottantamila/00)

Lotto F2 - Olivicoltura nelle aree interne - Benevento: € 260.000,00 (euro duecentosessantamila/00)

Lotto F3 - Olivicoltura nelle aree di Terra di lavoro, Vesuviana e Penisola Sorrentina: € 170.000,00 (euro centosettantamila/00)

Lotto F4 - Olivicoltura in Cilento e Vallo di Diano: € 160.000,00 (euro centosessantamila/00)

Lotto F5 - Olivicoltura nei Monti Picentini, Costiera Amalfitana e Colline Salernitane: € 140.000,00 (euro centoquarantamila/00)

  1. G) Filiera zootecnica

Lotto G1 – Allevamento bovino estensivo nelle aree interne: € 165.000,00 (euro centosessantacinquemila/00)

Lotto G2 – Allevamento bovino intensivo in Terra di Lavoro: € 100.000,00 (euro centomila/00)

Lotto G3 – Allevamento bovino intensivo Piana del Sele: € 100.000,00 (euro centomila/00)

Lotto G4 – Allevamento bufalino: € 100.000,00 (euro centomila/00)

Lotto G5 – Allevamento ovi-caprino: € 50.000,00 (euro cinquantamila/00)

AdA

Vai alla documentazione

Leggi tutto...

Bandi Psr, nuove scadenze per le domande

PSR 14 20 logoLa Regione Campania comunica che, con decreto n. 114 del 15 maggio 2017, si è stabilito, con riferimento alle Misure che prevedono aiuti connessi alla superficie aziendale e/o agli animali, sono stati modificati i termini per il rilascio sul portale Sian, sia delle domande di sostegno/pagamento delle misure che prevedono aiuti connessi alla superficie aziendale e/o agli animali del Psr 2014/2020, sia delle domande di pagamento per conferma degli impegni derivanti dalla programmazione antecedente il 2007 e degli impegni conformi alla programmazione 2007-2013.

Per le domande iniziali la data è fissata al 15 giugno 2017. La presentazione delle domande oltre il termine sopra citato comporta per ogni giorno lavorativo di ritardo una riduzione pari all’1% dell’importo al quale il beneficiario avrebbe avuto diritto se avesse inoltrato la domanda in tempo utile; le domande iniziali pervenute oltre il termine del 10 luglio 2017, sono irricevibili.

Viene inoltre fissato alle ore 12 del 1 settembre 2017, limitatamente alle Misure 11 e 14 ed alle Sottomisure 10.1 e 15.1 del Psr 2014/2020, nonché alle domande di pagamento per la conferma degli impegni in corso conformi alla programmazione 2007-2013 ed alla programmazione antecedente il 2007, il termine ultimo per la consegna, alle competenti UOD Servizi Territoriali Provinciali, del modello stampato sottoscritto dal richiedente e rilasciato per via telematica attraverso il Siam, allegando copia fotostatica di un documento di identità o di riconoscimento e la eventuale documentazione prescritta dai bandi / avvisi.

AdA

Scarica il Decreto Dirigenziale n° 114 del 15/05/2017

Leggi tutto...

PSR Campania 2014-2020 pubblicate le pre-informazioni relative a 23 bandi di attuazione

psr-2014-2020La Regione Campania ha pubblicato le informative relative a 23 bandi di attuazione del PSR Campania 2014-2020.

A breve verranno pubblicati i bandi, la cui dotazione finanziaria complessiva ammonta a circa 210 milioni di euro. Si tratta di ingenti risorse, che vanno ad aggiungersi a quelle già messe a bando nei mesi scorsi per rendere più forte l’agricoltura e favorire la crescita socio-economica dei territori rurali campani.

Le informative pubblicate - afferma Franco Alfieri, consigliere del presidente De Luca per l’Agricoltura, Foreste, Caccia e Pesca - contengono gli elementi essenziali dei bandi che saranno emanati gradualmente a partire dalle prossime settimane. Rappresentano, dunque, un utile strumento di orientamento per i potenziali beneficiari in vista dell’imminente presentazione delle domande di sostegno.

Grazie ai nuovi bandi - conclude Alfieri - saranno disponibili, tra l’altro, 30 milioni per la creazione e lo sviluppo di imprese agricole, 10 milioni per l’avviamento d’impresa per le attività extra-agricole in zone rurali e 20 milioni per investimenti finalizzati all’introduzione, il miglioramento e l’espansione dei servizi di base per la popolazione rurale.

A seguire le pre-informative dei suddetti bandi relativi alle seguenti tipologie di azioni:

Le nuove opportunità che la Regione Campania sta per mettere in campo saranno presentate nel corso di un evento di cui si darà notizia anche sul Portale Agricoltura della Regione Campania.

In programma anche un ciclo di presentazioni tecniche, che avranno luogo presso la sede dell'Assessorato all'Agricoltura (Centro Direzionale di Napoli, isola A6) secondo un calendario che sarà pubblicato sempre su queste pagine.

AdA

Leggi tutto...

Agricoltura: PSR Campania nuovo bando da 35 milioni di euro

PSR 14 20Con Decreto Dirigenziale n. 20 del 20 gennaio 2017 è stato approvato il bando di attuazione della tipologia d’intervento 4.2.1 “Trasformazione, commercializzazione e sviluppo dei prodotti agricoli nelle aziende agroindustriali” del PSR Campania 2014-2020, con una dotazione finanziaria di 35.000.000,00 di euro.

Possono beneficiare delle agevolazioni previste dalla tipologia d’intervento 4.2.1 le imprese agro-industriali ovvero le imprese che operano nel settore della lavorazione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli per perseguire obiettivi di integrazione con il settore agricolo e nel rispetto dei principi di sostenibilità ambientale. Le filiere produttive campane interessate sono: ortofrutticola, florovivaistica, vitivinicola, olivicolo olearia, cerealicola, carne, lattiero casearia, piante medicinali e officinali.

Sono ammissibili a finanziamento, fino ad un investimento massimo ammissibile di 4.000.000,00 di euro le seguenti voci di spesa:

  • l’acquisto/costruzione di nuovi stabilimenti nel tetto massimo di 2.000.000,00 di euro;
  • il miglioramento o l’ampliamento di edifici esistenti nel tetto massimo di 1.000.000,00 di euro;
  • gli investimenti per l’acquisto di macchine, impianti e attrezzature nel tetto massimo di 2.000.000,00 di euro;
  • l’acquisto di beni immateriali e spese generali nel tetto massimo di 400.000,00 euro.

Per tali spese ammissibili il contributo varia a seconda della tipologia di beneficiario con:

  • 50% della spesa massima ammissibile a finanziamento per le imprese che, ai sensi della Raccomandazione 2003/361/CE, sono classificabili come micro, piccole o medie imprese;
  • 25% della spesa massima ammissibile per le imprese che, ai sensi della Raccomandazione 2003/361/CE, non sono classificabili come micro, piccole o medie imprese, ma che occupano meno di 750 addetti o il cui fatturato annuo non supera i 200 milioni di euro (imprese intermedie ai sensi degli Orientamenti Comunitari 2006/C 319/01);
  • 10% della spesa massima ammissibile per le imprese che, ai sensi della Raccomandazione 2003/361/CE, sono classificabili come grandi imprese.

Il contributo per l’acquisto dell’immobile deve corrispondere al massimo al 50% del contributo pubblico ammesso a finanziamento.

AdA

Scarica il Decreto Dirigenziale n. 20 del 20 gennaio 2017

Leggi tutto...

Ammodernamento imprese agricole. Riaperto il bando ex misura 121: entro il 18 settembre le domande

PSR CampaniaLa Regione sostiene l’ammodernamento strutturale delle aziende agricole campane. Riaperto il 22 luglio il bando della Misura 121 del Programma di sviluppo rurale (Psr) che mette a disposizione delle Pmi 25 milioni di euro cui si aggiunge il residuo della dotazione Health Check (corrispondente a circa 8,7 milioni di euro).
Il termine di chiusura per la presentazione delle domande di aiuto è fissato al 18 settembre prossimo. Rispetto alla precedente versione sono state introdotte una serie modifiche alcune delle quali hanno importanti ricadute soprattutto a favore delle aziende tabacchicole e dei giovani agricoltori. Possono richiedere le agevolazioni regionali anche le imprese agricole già interessate all'attuazione dei Pif (Progetti integrati di filiera) per le quali la precedente domanda di aiuto risulta ancora in istruttoria. I giovani imprenditori possono richiedere, con procedure dettagliate, il finanziamento dei soli investimenti nel caso in cui non siano stati loro riconosciuti (per qualsiasi motivo) gli aiuti richiesti a valere e sulla misura cluster. Per l’assegnazione delle risorse sarà riconosciuto un punteggio maggiore ai progetti presentati da aziende del settore tabacchi o da aziende che operano su terreni confiscati alle organizzazioni malavitose.

mb

Scarica il Bando

Decreto n. 43 del 26 giugno 2013

Fonte Regione Campania

 

Leggi tutto...

Regione Campania. 30 milioni per il rilancio dei borghi rurali

PSR CampaniaIncentivare il turismo delle aree interne, puntando sulla riqualificazione e il recupero dei borghi rurali. La Regione Campania apre la misura 322 del Psr Campania 2007/2013 “Sviluppo e rinnovamento dei villaggi” mettendo sul piatto 30 milioni di euro distribuiti su tra quattro province: Avellino (12.812.491 euro), Benevento (3milioni di euro), Caserta (7.784.865) e Salerno (5.402.643).
Ai fini della partecipazione al bando, per borgo rurale si intende l’intero Comune oppure una parte delimitata di esso che abbia conservato l’impianto originario, le caratteristiche architettoniche e urbanistiche originarie e la propria identità culturale. In particolare, il borgo deve essere caratterizzato dalla presenza di un impianto urbanistico in cui i fabbricati non siano esteticamente e strutturalmente riferibili ad epoca recente e nel quale siano presenti elementi caratteristici dell’identità dei luoghi.
Ci si riferisce soprattutto ai materiali delle facciate e dei tetti, alle aperture (porte, finestre) agli elementi di ornamento e di decoro, tendendo in particolare considerazione la presenza di emergenze di rilievo (storico, culturali o naturali).
Termine ultimo di deposito dei documenti è il prossimo primo luglio, alle ore 12.

Scarica il D.D. n. 25 del 30/04/2013
Scarica la Misura 322

Fonte: Regione Campania

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS