itenfrdees

Promos Ricerche è un Consorzio senza fini di lucro. SCOPO: La promozione e l’introduzione dell’innovazione in qualsiasi forma e settore. Scopri di più.

News

Art bonus, erogazioni liberali a sostegno della cultura

Art bonus, erogazioni liberali a sostegno della cultura

Stampa Email

L'Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione del 7 novembre 2017, ha fornito chiarimenti sul c.d. "art-bonus" cioè il credito di imposta a chi effettua erogazioni liberali a sostegno del patrimonio culturale pubblico italiano. Possono beneficiare del credito d’imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura di cui all’articolo 1 del Dl 83/2014, convertito con modifiche dalla legge 106/2014, le erogazioni liberali finalizzate a sostenere un museo gestito da una fondazione appositamente costituita da un ente pubblico per tale scopo.

In particolare, l’Agenzia delle Entrate ha affermato che, nonostante la natura giuridica formalmente di diritto privato della fondazione, nel caso del sostegno a istituti e luoghi della cultura, il requisito dell’appartenenza pubblica può essere soddisfatto anche dal ricorrere di altre caratteristiche del soggetto destinatario (esemplificate in maniera non esaustiva dalla risoluzione), come, ad esempio, la costituzione dell’istituto per iniziativa di soggetti pubblici con maggioranza pubblica di soci o partecipanti, o la gestione da parte dello stesso di un patrimonio culturale di appartenenza pubblica. In presenza di una o più di tali caratteristiche, gli istituti della cultura con personalità giuridica di diritto privato, ad esempio perché costituiti in forma di fondazione, in realtà hanno natura sostanzialmente pubblicistica, e possono, quindi, ricevere erogazioni liberali per il sostegno della loro attività, le quali – a loro volta – beneficiano del credito d’imposta (ferma restando la condizione dell’appartenenza pubblica delle collezioni).

Nel caso oggetto dell’interpello, la fondazione è stata individuata dallo Stato con apposita disposizione legislativa quale strumento necessario per la migliore gestione del museo; la collezione permanente di quest’ultimo è di proprietà statale, così come il complesso di immobili ove esso è ubicato. Inoltre la fondazione riceve per legge importanti contributi pubblici ed è sottoposta alla vigilanza del Ministero e al controllo della Corte dei Conti.

fonte Sole24Ore 314/17 IC e CD

Risoluzione Entrate n. 136/E del 7 novembre 2017

Maggiori info