itenfrdees

Promos Ricerche è un Consorzio senza fini di lucro. SCOPO: La promozione e l’introduzione dell’innovazione in qualsiasi forma e settore. Scopri di più.

Pubblicazioni CEI in vendita

pubblicazioni 600x201

Pubblicazioni e raccolte cartacee disponibili in visione e vendita presso la sede del Consorzio

Raccolte di Documenti Normativi

Collana Volumi tecnico scientifici

Prodotti Software

Documenti divulgativi

Correlazioni e principali interazioni

Tutte le attività sono state sviluppate nell'intento di attivare un vero e proprio "Nodo" di servizi nel settore agroalimentare, funzionale ad uno sviluppo organico della "qualità" dei prodotti tipici, mantenendo quell'economicità e salubrità sempre più fermamente richiesta dai mercati internazionali.
Sulla base delle esperienze maturate nello svolgimento di tali attività è stato possibile supportare gli studi e le indagini sviluppate nel settore agroalimentare con l'indispensabile bagaglio tecnico normativo, per promuovere sia gli aspetti igienici e salutistici, sia quelli di promozione delle attività agroindustriali.
A tal fine, il Consorzio, ha sviluppato un'intensa attività di acquisizione di conoscenze e nel contempo di divulgazione e di informazione per la tutela dei "consumatori" in stretto collegamento con gli Enti Normatori italiani (UNI e CEI) con cui Promos Ricerche ha attivato (fin dal 1993) il POINT Punto di Orientamento e Informazione sulla Normativa Tecnica ed il PICS - Punto Informazione Consumatori per la Sicurezza. In particolare, nell'ambito del progetto Rete di collegamento ed interscambio con imprese/consumatori – Federcasalinghe, è stato realizzato con la collaborazione di Asseforcamere il floppy "In cucina con sicurezza", sviluppato sulla base dell'utilizzo del metodo HACCP come criterio di prevenzione domestica.

Interventi Normativi

Dal settembre 1997 e fino al 1998, in collaborazione con la Camera di Commercio di Napoli, il Comune di Napoli, la Seconda Università di Napoli, l'Associazione Vera Pizza Napoletana e l'UNI, fu definita, sulla base di un apposito disciplinare, la Norma UNI 10791 "Verace pizza napoletana artigianale" che definisce materie prime attrezzature, modalità realizzative e i requisiti del prodotto pizza quando consumato negli esercizi pubblici, da cui è scaturito l'attuale STG.
In diretta collaborazione e su specifico incarico di AGRIPROMOS, dal 2001 è stato sviluppato il progetto "Diffusione di denominazioni di origine nel settore agroalimentare" in collaborazione con l'Assessorato all'Agricoltura della Regione Campania ed i Comitati promotori. Da tale iniziativa sono derivate l'attivazione dei Comitati di Disciplinare" nonché della definizione e dell'allestimento delle Relazioni Storiche e Tecniche e degli areali produttivi necessari alla organizzazione della Documentazione da presentare con le domande di riconoscimento per diversi DOP ed IGT. In particolare è stato predisposta la domanda completa per il riconoscimento della DOP "Kaki napoletano" e dell'IGP "Noce di Sorrento" (2003) e della DOP "Pomodoro di Sorrento" e dell'IGP "Ciliegia napoletana" (2004/2005), fu inoltre realizzato lo studio e la proposta per la "Percoca napoletana" (2006), poi non presentato ufficialmente. Dal 2007, a seguito delle modifiche apportate dal Reg. CE 510/06 per la registrazione delle DOP/IGP, si è provveduto, ai sensi del D.M. del 21/05/07 e sulla base delle richieste pervenute a tutto il 2009 dal MIPAF, alla modifica ed integrazioni della documentazione per la richiesta della IGP Noce di Sorrento e della DOP Pomodoro di Sorrento.

Sperimentazione di azioni informative e formative

L'azione di valorizzazione è stata affiancata da attività facoltative come: il "Programma di educazione alimentare per sensibilizzare studenti, docenti e famiglie al consumo di prodotti agroalimentari della tradizione culturale mediterranea", un intervento biennale di tipo socio-culturale-sanitario, sviluppato a partire dall'ottobre 1997, con un'iniziativa di tipo formativa sperimentata in una scuola media inferiore della provincia di Napoli, in collaborazione con il Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell'Università degli Studi di Napoli "Federico II". Lo studio si è concluso con la pubblicazione del volume "Adotta una dieta" e del pieghevole "Il Gioco del mangiar sano" e con una mostra degli elaborati prodotti dagli allievi che hanno partecipato al programma di ricerca. Anche questo volume è stato rieditato a fronte delle molte richieste pervenute dalle scuole, elementari e medie, provinciali.
A partire dal 1999 il Consorzio ha contribuito a mettere a punto e sviluppare un ulteriore programma di "informazione alimentare" nelle scuole, realizzato dall'I.R.I.P.A. Campania (Istituto Regionale Istruzione Professionale Agricola) in collaborazione con il Provveditorato agli Studi di Napoli e con l'Università degli Studi di Napoli "Federico II", editando un CD dal nome "Adotta una dieta".
A seguito delle attività avviate con il Parco Nazionale del Vesuvio, è stata sviluppata una azione di sensibilizzazione degli operatori agricoli del Parco verso l'ecocompatibilità ambientale. In particolare, è stata realizzata una puntuale attività informativa/formativa attraverso incontri, sia nel Parco che presso le Camere di Commercio e sedi di associazioni, con esperti ed operatori ed è stato messo a punto il manuale "Ecocompatibilità, Agricoltura e Turismo – Guida per gli operatori agricoli del Parco".
Con Agripromos nel 2009 si è collaborato alla realizzazione di una vera e propria guida "Manuale del Consumatore – norme, consigli e indicazioni per una sicura e corretta alimentazione", redatta utilizzando un linguaggio adatto a tutti e quindi facilmente fruibile dai "non addetti ai lavori" ed adatto anche per l'utilizzo come strumento didattico nelle scuole.

Valorizzazione della tipicità agroalimentari e territoriali

Per la provincia di Napoli
Relativamente alla promozione e valorizzazione dei prodotti tipici napoletani a partire dal 1996 furono effettuati due studi, il primo, in cui è stata sviluppata un'"indagine conoscitiva sulla realtà produttiva della provincia di Napoli, con particolare riferimento ai prodotti tipici agroalimentari ed al vivaismo ornamentale e la loro collocazione all'interno delle aree naturali", che ha portato alla realizzazione del volume "Luoghi, Natura, Colori, Sapori di Napoli e della sua provincia", sintesi di un nuovo approccio di tipo turistico/gastronomico/ambientale tra prodotti tipici ed aree territoriali del napoletano.
Nel 1999 sulla base del successo riscontrato dal volume, si è proceduto ad elaborare una nuova edizione tradotta e stampata anche in francese, inglese e tedesco, a cui seguì anche l'assegnazione di un finanziamento da parte della Regione Campania per editare una ristampa in formato lusso, che purtroppo non ebbe seguito.
Il secondo studio, che ha riguardato un progetto per "la valorizzazione dei prodotti agroalimentari tipici della Penisola Sorrentina: arance, limoni e limoncello", ha comportato, oltre all'acquisizione di una serie di esperienze sul campo di significativi elementi di valorizzazione economica, anche la realizzazione del marchio "Terra delle Sirene" con la definizione di un disciplinare tecnico di produzione per il tradizionale "liquore di limoni di Sorrento e Capri" e di una brochure illustrativo - promozionale comprensiva di ricette culinarie a base di limone, caratteristiche della Penisola Sorrentina.
Questi studi hanno rappresentato il primo impegno per un più ampio approccio realizzato per l'individuazione, definizione e sviluppo di strumenti di valorizzazione del territorio, in considerazione di specificità e peculiarità in ambito geografico e produttivo omogenee; come lo studio sulle "Opportunità di rilancio dell'agricoltura e dei prodotti tipici nonché delle potenzialità agrituristiche nel Parco Nazionale del Vesuvio". Tale studio, svolto in collaborazione con il Parco, ha riguardato le preesistenze economiche dell'area, sia di tipo turistico (ristoranti, alberghi, ecc...), sia di tipo produttivo (artigianato tipico e coltivazioni agricole prevalenti).
Dalla raccolta dati effettuata, è seguita la realizzazione di una puntuale mappatura delle produzioni agroalimentari, commerciali ed artigianali: la "carta agroturistica dell'area vesuviana", edita in italiano ed inglese, dove sono state evidenziate, insieme con le prevalenti attività economiche dell'area, le principali notazioni turistico/ambientali.
Nel corso del 1998 furono attivate, inoltre, una serie di iniziative, di seguito elencate, che completano questa panoramica delle diverse tematiche affrontate ed attinenti al complesso sistema del comparto agroalimentare della provincia, che abbraccia contemporaneamente le problematiche del settore primario, secondario ed anche terziario in un approccio di carattere unitario, come il programma per "l'Acquisizione di tecniche di promozione e di valorizza¬zione di prodotti tipici e di sensibilizzazione ed orientamento dei produttori agricoli", sinteticamente denominato Compratipico, che ha portato alla registrazione di un marchio con tale nome ed alla sua pubblicizzazione attraverso la partecipazione ad alcune manifestazioni internazionali e nazionali, alla definizione di un regolamento e di un disciplinare produttivo tipo, che sono stati ripresi e fatti propri da un omonimo Consorzio costituito da produttori ed Associazioni.
Le attività di supporto agli operatori sono proseguite fino al 2000, con il progetto per la "Realizzazione di una rete sperimentale telematica da parte di una serie di aziende agricole campane per inserirle in un sistema di informazioni attraverso la rete Internet finalizzato alla gestione aziendale" e fu completata la "Realizzazione di disciplinari di produzione relativi ai prodotti agricoli tipici da valorizzarsi attraverso l'istituzione di un unico marchio di qualità (Compratipico II)".
Per la provincia di Caserta
A partire dal 2000 per conto della Camera di Commercio di Caserta fu realizzato uno studio sulle produzioni vitivinicole di Terra di Lavoro, che partendo da un'analisi delle risorse storico-archeologico-culturali della provincia e dell'insieme delle caratteristiche naturalistiche, portò allo sviluppo di un sito internet www.vinicaserta.it nonché di una brochure illustrativa. Nel sito, che includeva gran parte del territorio provinciale, sono ancora riportate e stampabili le carte stradali di un itinerario enologico con evidenziate le aziende vinicole ed i loro vigneti, le aree DOC e IGT, gli agriturismi collegati e con il dettaglio per ogni azienda vitivinicola selezionata, delle specificità e della produzione del 2000.
Sulla base di tale esperienza, fu sviluppato nel 2002 un articolato studio, che ha consentito di individuare sette aree di interesse da cui sono stati elaborati gli "Itinerari casertani di cultura storica, architettonica ed enogastronomica", che sono stati raccolti in un omonimo volume ed in una versione multimediale su CD-Rom.

Studi, indagini e ricerche per lo sviluppo delle produzioni tipiche napoletane

Tale direttrice è stata sviluppata realizzando le seguenti attività:

  • "studio sugli antiossidanti negli alimenti e sui loro effetti sulla salute umana con riferimento ai vari cultivar di pomodoro ed in particolare al S. Marzano ed alla conservazione dell'attività antiossidante in relazione ai consueti processi tecnologici di produzione e conservazione" (1996-1997);
  • studio sulla "preparazione, condizionamento e confezionamento dei principali prodotti agricoli provinciali, mirando ad una più qualificata commercializzazione e una maggiore tutela dei consumatori e dell'ambiente" (1996-1997);
  • due iniziative di studio, dalle quali sono emerse puntuali indicazioni in ordine allo sviluppo di una agricoltura sostenibile in termini economico/ambientali, di cui una di carattere più generale "Distretto agroindustriale: analisi delle differenziazioni tra agrosistemi nel territorio della provincia di Napoli per l'individuazione dei rapporti tra componenti produttive e degli ordinamenti praticati, nonché dell'impatto delle tecniche colturali delle risorse naturali" (1997-1999); ed un'altra, specifica, rivolta alla coltivazione e trasformazione del pomodoro che ha dato origine al volume "Analisi e prospettive dell'organizzazione della filiera del pomodoro" (1998-2000);
  • l"Osservatorio dell'innovazione di processo, di prodotto e delle normative finalizzate all'analisi strategica della produzione agroalimentare" (1998-1999), proiettato a creare una struttura di servizio permanente per l'intera filiera agroalimentare attivando una rete informativa in tempo reale su problematiche specifiche, leggi, normative, mercati ed indirizzi, nonché su strategie settoriali. Nell'ambito del progetto furono realizzati tre numeri di un periodico "Nodo Agroalimentare news", che fu distribuito come inserto del giornale "Il Denaro";
  • la realizzazione di un vero e proprio manuale a supporto degli operatori del settore agroindustriale, che intendevano richiedere il riconoscimento comunitario DOP - Denominazione di Origine Protetta, IGP – Indicazione Geografica Protetta (Reg. 2081/92) e AS – Attestazione di Specificità (Reg. 2082/92), compendiato in un volume "Strumenti per la certificazione di qualità dei prodotti agroalimentari tipici", che rappresentava un "Vademecum informativo" sulla legislazione e sulle procedure tecnico amministrative per la valorizzazione dei prodotti agricoli del napoletano (1998-1999).
  • la realizzazione su incarico di Agrisviluppo, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Caserta, di uno studio su "nuovi packaging di alcuni prodotti di eccellenza dell'agricoltura casertana con particolare riferimento alla mela annurca ed alla castagna di Roccamonfina" sviluppato in collaborazione con IRAT/CNR ed il Centro Regionale di Competenza Produzioni Agroalimentari (2005/2006);
  • nel 2009 è stato completato un progetto per l'attivazione di un "Osservatorio sui fabbisogni tecnologici e interventi a sostegno della formazione nel settore agroalimentare", coinvolgendo le principali strutture nazionali di Ricerca e Sviluppo operanti sul territorio (ENEA, CNR, CRA, ecc.), che ha comportato l'attivazione di un sistema informativo sulla R.&S del settore agroalimentare.
  • a partire dal 2008, in diretta collaborazione e su specifico incarico di Agripromos, è stato realizzato un progetto "Rintracciabilità di filiera e sicurezza alimentare" nel cui ambito, oltre alla realizzazione di alcune attività informative/formative, è stato progettato e realizzato, ad uso degli operatori, un manuale operativo dal titolo "Sicurezza alimentare e Tracciabilità. Norme e Regolamenti" pubblicato nel 2009.
  • nel 2013, sempre in collaborazione con Agripromos, è stata effettuata la revisione dei testi del volume, realizzando una vera e propria "guida multimediale" con i testi integrali dei principali riferimenti normativi, sia cogenti (comunitari, nazionali e regionali), sia consensuali (normativa tecnica UNI), che regolamenta il settore agroalimentare. La guida, su pen-drive, è stata allegata al nuovo volume dal titolo: "Dalla Sicurezza Alimentare il Buon Cibo. Tracciabilità e Rintracciabilità - Norme e Regolamenti", che è stato presentato nel corso del convegno: "Dalla Sicurezza Alimentare e dall'Etica delle Imprese: La garanzia del Buon Cibo Fondamento della Dieta Mediterranea" tenuto presso la Camera di Commercio di Napoli l'8 ottobre 2013. La Base Dati normativa, potrà essere periodicamente aggiornata e strutturata in modo tale da consentirne anche la consultazione per aree tematiche direttamente dal sito di Promos Ricerche (www.promosricerche.org).

Premessa

Il Consorzio, operando su incarico della Camera di Commercio di Napoli, a partire dalla metà degli anni novanta, ha sviluppato una serie di iniziative, in collaborazione con Enti, imprese ed Associazioni, tese a realizzare una strategia di valorizzazione delle risorse produttive locali nel settore agroalimentare, avviando un'azione di promozione e sviluppo di attività di ricerca proiettate ad avere il più possibile veloci ritorni economici per il tessuto produttivo agro-industriale, con particolare riferimento ai prodotti tipici della provincia di Napoli.
Successivamente, con la nascita di Agripromos - Azienda speciale della Camera di Commercio di Napoli - per la promozione e lo sviluppo del settore agricolo ed agroalimentare - il Consorzio ha continuato ad assicurare la sua collaborazione per alcune specificità anche a tale struttura.
A partire dal 1999, inoltre, sulla base dell'esperienza maturata, Promos Ricerche ebbe l'incarico dalla Camera di Commercio di Caserta di sviluppare attività connesse con la valorizzazione di alcuni prodotti tipici e con le risorse culturali e ambientali del territorio casertano, anche in collaborazione con le sue Aziende speciali ASIPS ed Agrisviluppo.
Sulla base delle indicazioni emerse da un primo studio per la "valorizzazione delle produzioni agricole tipiche della provincia di Napoli" realizzato nel 1995, scaturirono due indirizzi principali: uno di carattere più strettamente di indagine scientifica e tecnologica inerente alle produzioni tradizionali territoriali ed un altro, di più ampia portata, legato alla promozione e valorizzazione della "tipicità". A tali indirizzi sono subito seguiti anche interventi informativi - formativi e normativi che vengono di seguito riportati cronologicamente con evidenziati gli strumenti che ne sono derivati.

Privacy e termini d'uso

Informativa sulla Privacy
In questa sezione sono contenute le informazioni relative alle modalità di gestione del sito www.promosricerche.org in riferimento al trattamento dei dati degli utenti. La presente informativa è adeguata ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR) nonché al D.lgs 196/2003.

IL "TITOLARE" DEL TRATTAMENTO
Il titolare del trattamento è il legale rappresentante del Consorzio Promos Ricerche - Via S.Aspreno, 2 - 80133 Napoli – P.IVA 05810980630

FINALITÀ DEL TRATTAMENTO
I Dati dell’Utente sono raccolti:
- per la gestione operativa della navigazione;
- per l’elaborazione di dati statistici sugli accessi e la consultazione;
- per la gestione della sicurezza dei Dati.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI
I trattamenti connessi alla navigazione web di questo sito hanno luogo presso la nostra sede sita in Via S. Aspreno, 2 - 80133 Napoli. Sono curati solo da personale tecnico dell'Ufficio incaricato del trattamento, oppure da eventuali incaricati di operazioni di manutenzione. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso. I dati personali forniti dagli utenti che inoltrano richieste di invio di materiale informativo sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e sono comunicati a terzi nel solo caso in cui ciò sia a tal fine necessario.

CATEGORIE DI DATI TRATTATI
Dati di navigazione

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati:
- gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito,
- gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste,
- l'orario della richiesta,
- il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server,
- la dimensione del file ottenuto in risposta,
- il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.).
- altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente.

Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. I dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di trenta giorni.

Dati forniti volontariamente dall'utente
L'invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica all’indirizzo www.promosricerche.org comporta la successiva acquisizione dell'indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.

Cookies
Notizie specifiche sui cookie sono fornite nella relativa pagina.

FACOLTATIVITÀ DEL CONFERIMENTO DEI DATI
A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l'utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta comunque indicati in contatti con l'Ufficio per sollecitare l'invio di materiale informativo o di altre comunicazioni. Il loro mancato conferimento può comportare l'impossibilità di ottenere quanto richiesto.

MODALITÀ DEL TRATTAMENTO
I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI
Si informa l’utenza sulla esistenza dei seguenti diritti dell’interessato:
- ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile;
- ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5, comma 2 Codice Privacy e art. 3, comma 1, GDPR; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati;
- ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato;
- opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che La riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento di dati personali che La riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale, mediante l’uso di sistemi automatizzati di chiamata senza l’intervento di un operatore mediante e-mail e/o mediante modalità di marketing tradizionali mediante telefono e/o posta cartacea. Si fa presente che il diritto di opposizione dell’interessato, esposto al precedente punto b), per finalità di marketing diretto mediante modalità automatizzate si estende a quelle tradizionali e che comunque resta salva la possibilità per l’interessato di esercitare il diritto di opposizione anche solo in 4 parte. Pertanto, l’interessato può decidere di ricevere solo comunicazioni mediante modalità tradizionali ovvero solo comunicazioni automatizzate oppure nessuna delle due tipologie di comunicazione.

Ove applicabili, ha altresì i diritti di cui agli artt. 15-22 Reg. UE (Diritto di rettifica, diritto all’oblio, diritto di limitazione di trattamento, diritto alla portabilità dei dati, diritto di opposizione), nonché il diritto di reclamo all’Autorità Garante.

MODALITÀ DI ESERCIZIO DEI DIRITTI
Potrà in qualsiasi momento esercitare i diritti inviando una comunicazione:
- via e-mail, all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
-
via posta A.R., a: Consorzio Promos Ricerche - Via S. Aspreno, 2 - 80133 Napoli

Attività in corso

  • Convenzione INAIL Campania/Unioncamere Campania/Consorzio Promos Ricerche/Vigili del Fuoco.
  • Bando V Corso Alta Formazione "Governo del Territorio".
  • Progetto "Tracciabilità del Patrimonio culturale della Campania: valorizzazione, comunicazione, sistemi e prodotti (TPCC-ValCSip)".
  • Partecipazione programma "Amico Generazionale" del Comune di Napoli.

Proposte presentate:

  • Progetto "Sicurezza e Tracciabilità filiere agroalimentari e la dieta mediterranea".
  • Programma "Modello sperimentale di intervento per il consolidamento e risanamento statico, architettonico-artistico delle chiese e dei monumenti di Napoli".
  • Progetto "Front End unico della Camera di Commercio di Napoli per lo sviluppo del Sistema per l'Innovazione delle Imprese".

Valorizzazione del territorio

Un esempio, legato ad attività di tipo settoriale, riguarda la particolare attenzione che il Consorzio ha dedicato agli interventi di valorizzazione delle produzioni agroalimentari e delle risorse territoriali, stante il particolare rilievo del settore “Agroalimentare” e dei settori collegati come il “turismo” ed il “marketing territoriale”. Numerose, infatti,  sono state le iniziative avviate a partire dal 1995, che hanno coinvolto diversi Enti ed Organismi regionali a seguito dell’attivazione, per conto della Camera di Commercio di Napoli, del “Nodo Agroalimentare”, comprendente una serie di ricerche, indagini e studi, che hanno dato origine ad iniziative di valorizzazione dei prodotti tradizionali e tipici e nuovi servizi sul territorio non solo napoletano (cfr. pubblicazioni e multimediali realizzati).
Per il 2012, si evidenzia la partecipazione al progetto "Tracciabilità del Patrimonio culturale della Cmapania: Valorizzazione, comunicazione sistemi e prodotti", al quale il Consorzio Promos Ricerche ha partecipato in partnership con l'Università degli di Napoli "Suor Orsola Benincasa", ed al quale hanno aderito tutte le Università della Campania

Qui di seguito sono brevemente riportate alcune delle principali attività svolte dal Consorzio:

•    Studi, indagini e ricerche per lo sviluppo delle produzioni tipiche napoletane
•    Valorizzazione della tipicità agroalimentari e territoriali
•    Sperimentazione di azioni informative e formative
•    Interventi Normativi
•    Correlazioni e principali interazioni

Sottoscrivi questo feed RSS