Giovedì, 16 Marzo 2017 12:50

"Costi e benefici della normazione" Nuovo Dossier dall'UNI

logo uniLe imprese italiane hanno bisogno di una marcia in piu per compensare i maggiori costi e gli oneri burocratici che zavorrano la loro concorrenzialita rispetto a chi opera in altri
sistemi economico/amministrativi: una ricerca IRS - Istituto per la Ricerca Sociale mette in evidenza l’impatto economico, organizzativo e concorrenziale di uno strumento disponibile da quasi 100 anni, ma non ancora adottato sistematicamente.
Si parla naturalmente delle norme tecniche, il cui uso puo fare aumentare fino a un massimo del 14,1% il fatturato, investendo ogni anno al massimo lo 0,002% del fatturato stesso per l’acquisto e lo 0,007% per la formazione e/o consulenza necessarie al loro miglior utilizzo.
La ricerca analizza in particolare tre settori:

  • ascensori (dove la produzione non puo prescindere dalla normazione tecnica, anche europea, e in Italia ne sono installati quasi 1.000.000)
  • macchine utensili per la lavorazione dei metalli (un “Made in Italy” fortemente “tecnico”);
  • arredamento per case e uffici (un “Made in Italy” classico).

Dallo studio IRS emergono prima di tutto le aree di benefici “qualitativi” derivanti dall’uso delle norme UNI delle quali sono comuni a tutti i settori interpellati:

  • facilitazione del rispetto dei requisiti di sicurezza di legge (in particolare per gli ascensori);
  • maggiore accesso ai mercati esteri (in particolare per l’arredamento);
  • semplificazione dell’attivita d’impresa;
  • riduzione del rischio di incidenti sia sul lavoro che per gli utilizzatori;
  • influenza positiva sull’esito di eventuali contestazioni giudiziarie;
  • essere costantemente aggiornati sulle problematiche e le evoluzioni del settore;
  • conoscere e confrontarsi con altri esperti;
  • approfondire gli aspetti tecnici per garantire la qualità dei prodotti sono i principali.

    Sono inoltre riconosciuti come effetti positivi dell’uso delle norme UNI la riduzione dei costi per svolgere l’attivita aziendale, la maggiore competitivita negli appalti pubblici, la facilitazione della commercializzazione dei prodotti, la maggiore competitivita nelle commesse private.

Lo studio IRS evidenzia anche un ritorno significativo in termini “quantitativi” per gli utilizzatori delle norme UNI: rendere conformi alle norme i prodotti, i servizi e/o i processi aziendali genera un aumento del fatturato che le imprese del campione stimano da un minimo del 8% annuo per le macchine utensili, al 13,7% per l’arredamento, fino a un massimo del 14,1% per gli ascensori.

mb

Sfogia il Dossier

Fonte UNI

Iscriviti alla Newsletter

Accedi al sito